domenica 15 novembre 2015

PARIGI COME KOBANE: LA GUERRA E' LA LORO, I MORTI SONO NOSTRI di Checchino Antonini



906039_940215566058484_7727983206451669702_o


PARIGI COME KOBANE: 
LA GUERRA E' LA LORO, I MORTI SONO NOSTRI
di Checchino Antonini



Dopo la strage di Parigi. Perché l’unità nazionale, invocata da Hollande e Le Pen (e quelli come loro) è l’altra faccia del terrore. Contro ogni fascismo barbuto o in felpa



Se i parigini, se tutti noi, pensassimo che stiamo vivendo lo stesso panico, la medesima angoscia e il lutto incolmabile di chi abita a Bagdad, Gaza, nel Rojava, a Tripoli, Kabul, Belgrado, vive e muore da anni come target di una guerra santa al contrario. Se fosse chiaro a tutti che la mattanza di Parigi è il rinculo drammatico della guerra globale, dei raid aerei, dell’azione dei contractor e delle truppe regolari della santa alleanza occidentale. Se fosse chiaro a tutti che ad armare i gesti folli di chi si lascia esplodere in uno stadio è anche la pressione delle multinazionali, degli apparati militari-industriali, sulle oligarchie politiche, da questa e da quella riva del Mediterraneo. La barbarie imperialista e islamista si alimentano a vicenda trascinandoci in uno stato di emergenza dove l’unità nazionale, proclamata da chi conduce quella barbarie, è la formula magica per legare le vittime ai carnefici, per limitare l’agibilità degli spazi pubblici, per soffiare ancora sul fuoco della guerra globale.

L’unica risposta alle guerre e il terrorismo è l’unità dei lavoratori e dei popoli, al di là delle loro origini, del colore della pelle, della religione. Per disarmare il terrorismo dobbiamo porre fine alle guerre imperialiste volte a perpetuare il saccheggio della ricchezza delle nazioni dominate dalle multinazionali, costringendo al ritiro le truppe occidentali da tutti i paesi in cui sono presenti, in particolare in Siria, Iraq , l’Africa. Fino ad allora la guerra è la loro, i morti saranno nostri.

Essere parigini e siriani, nello stesso tempo, kurdi e palestinesi, ribellarsi all’imperialismo e all’oscurantismo, ai fascimi barbuti e a quelli in doppio petto o in felpa.

Scrive a caldo, dalla Francia, il Noveau Parti Anticapitaliste: “Noi rifiutiamo ogni unità nazionale con i responsabili delle guerre, la borghesia, Hollande, Sarkozy e Le Pen. Denunciamo il razzismo che lo stato distilla nel nome dei presunti “valori della repubblica” nello stesso momento in cui, con il pretesto della lotta contro il terrorismo, sono i diritti democratici ad essere minacciati. Chiediamo la revoca dello stato d’emergenza”.

L’orrore sta negli occhi di patisce la guerra globale in ciascuno dei suoi aspetti. Si inseguono gli anatemi contro gli islamici e i migranti, qualcuno passa a vie di fatto altrettanto barbare. Come a Calais in queste ore: un incendio è scoppiato questa notte, intorno a mezzanotte, nella tendopoli di Calais, la cosiddetta ‘giungla’ dove pernottano migliaia di migranti col sogno di raggiungere la Gran Bretagna. L’incendio ha devastato circa 2.500 metri quadri di tende e capannoni. L’origine del sinistro è di natura «chiaramente incidentale», giura il vice prefetto di Calais, Daniel Gaudin, senza convincere nessuno.


14 Novembre 2015


dal sito Popoff quotidiano



Nessun commento:

Posta un commento

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF