martedì 11 novembre 2014

QUIRINALE: QUALI SCENARI? di Aldo Giannuli






QUIRINALE: QUALI SCENARI?
di Aldo Giannuli 


Nel 1971, alla vigilia dell’elezione del Presidente, Lotta Continua, che era impegnata nella campagna contro Fanfani, lanciò una canzone che diceva:
“Cambia la guardia al Quirinale
ogni sette anni, cambia maiale,
qual è l’incognita per il domani?
Stai a vedere, mandan Fanfani…”
A dire del come i Presidenti si equivalgano sostanzialmente tutti, però lo stesso testo si contraddiceva proprio per l’avversione a Fanfani, che voleva dire che, pur sempre, qualcuno è peggiore degli altri. Con maggiore rigore dottrinario, la Quarta Internazionale (da cui ero appena uscito) scandiva “Il Presidente, chiunque esso sia, è sempre un servo della borghesia”. Sciocchezze, anzi, ingenuità giovanili: perché se è vero che non è con l’elezione di un Presidente che si “cambia lo stato di cose presente” è però vero che ci sono opzioni migliori ed opzioni peggiori. Di volta in volta bisogna capire quale è il punto focale della situazione.

Apparentemente siamo ad una ripresa del discorso interrotto due anni fa e, rispetto al quale, il biennio supplementare di Napolitano è stato solo una momentanea tregua. Ma le cose sono molto diverse da come erano due anni fa: non c’è più Bersani ma Renzi, il Cavaliere non è più il “redivivo” ma è di nuovo in coma, c’è stata la crisi del governo Letta, la scissione di Forza Italia ed il patto del Nazareno, ci sono state le elezioni europee, la crisi internazionale si è molto aggravata e potremmo proseguire a lungo. Insomma il 2013 è roba di un secolo fa.

Per capire quali scenari possono aprirsi, partiamo da una considerazione: il patto del Nazareno regge o no?

Nel complesso mi sembra molto difficile che il patto possa venir meno in tre mesi: né Renzi né Berlusconi hanno alternative credibili, per cui, gioco forza si aggrapperanno alla viscida alleanza. Berlusconi deve salvare Mediaset, non può candidarsi (almeno per ora) e non può reggere nuove elezioni, inoltre se il Nazareno fallisse i suoi oppositori –da Salvini a Fitto- banchetterebbero sul suo cadavere. Quindi, piaccia o no deve tenersi stretto il fiorentino.

Neanche Renzi sta messo bene: la sua maggioranza regge sulla finta opposizione del Cavaliere, può andare a nuove elezioni ma con il Consultellum e, soprattutto, se gli crolla il Nazareno apre ampi spazi ai suoi oppositori interni. Morale: resteranno abbracciati anche se l’amore non è più quello di un tempo. E’ ovvio che la il patto dovesse sciogliersi si aprirebbero scenari molto diversi, ma per ora lasciamo perdere e ragioniamo sulla base di quello che c’è. E non c’è dubbio che, in questo caso, lo scontro sarà fra Nazareno e nemici del Nazareno.

Berlusconi ha già chiesto garanzie sul Quirinale, il che significa due cose: un Presidente “buono” che lo perdoni (ci siamo capiti) e che il Presidente non sia Prodi, ma uno interno alla logica del Nazareno. Quindi, si mette a capo del partito del TTP (Tutti Tranne Prodi), che ha adepti anche nel Pd (o pensate che i famosi 101 siano scomparsi?). Anche Renzi ha interesse a bloccare la strada a Prodi (che si sa essere tipo assai vendicativo ed al quale bruciano ancora quei 101 voti mancanti, di cui molti erano appunto renziani).

Il candidato ideale del Nazareno potrebbe essere Veltroni: abbastanza amebico per non fare ombra a nessuno ed abbastanza pappamolle da cedere alle richieste di grazia del Cavaliere (in fondo, se si vuole un Presidente buono, chi meglio dell’inventore del buonismo?). Come riserve vedrei Fassino, Franceschini e via elencando ectoplasmi. Se poi si vuole una donna ci sarebbe la Pinotti o al massimo la Finocchiaro (che però è meno docile e come ex magistrato, magari è meno propensa ai perdoni).

Dall’altra parte il PAN (partito anti Nazareno) può contare sulle truppe del M5s, della Lega, di Fratelli d’Italia e (forse) di Sel. Se ci aggiungiamo (forse, molto forse) gli ex 5stelle fuoriusciti, si mettono insieme circa 300 grandi elettori: pochi per eleggere qualcuno, molti per far pendere il piatto della bilancia dalla parte di un candidato alternativo. E qui il boccino lo hanno in mano quelli della minoranza Pd: se si allineano alle direttive di Renzi sono definitivamente morti, per cui non c’è dubbio che hanno tutto l’interesse ad impallinare nell’urna Veltroni o l’eventuale cataplasma equivalente. Però, sappiamo che la minoranza Pd non brilla per l’audacia, per cui non è detto che facciano quello che razionalmente andrebbe fatto. Ma immaginiamo che riescano per un attimo ad avere un briciolo di coraggio: il candidato naturale è Prodi: potrebbe catalizzare anche 180-200 voti di dissidenti Pd, cui si aggiungerebbero quasi certamente i circa 50 di Sel e, probabilmente, una decina di ex Scelta Civica. Se a questi si aggiungessero i circa 180 del M5s si sfiorerebbero i 450, suscettibili di crescere con gli ex 5s e qualche altro Scelta civica; ancora sotto la quota necessaria (505), ma abbastanza per mettere in crisi i poveri Nazareni. In bilico resterebbero la sessantina di Lega e Fdi, Alfano, Gal ed eventuali dissidenti di Fi. A giudicare dai risultati per la Corte Costituzionale, non sembra che la somma Pd+ Fi+ Ncd+Sc riesca a raggiungere i 500 voti.

Per cui, misurando a spanne, l’andamento delle votazioni potrebbe essere questo: nelle prime tre votazioni, in previsione del tiro al piccione dei franchi tiratori, i partiti presentano solo candidati di bandiera. Si inizia a ragionare dalla quarta, quando verrebbero fuori i candidati veri che potrebbero essere Veltroni e Prodi. Realisticamente, il primo si attesterebbe sui 460-490 voti (dipende da che fanno Alfano e la ex Sc), il secondo (sommando il M5s) 400-450 e circa 100 fra schede bianche e candidati minori.

Questo potrebbe dare il via ad un braccio di ferro a caccia dei voti degli indecisi nel quale la Lega potrebbe essere decisiva: Prodi non gli piace, ma l’alleanza del Nazareno ancor meno, per cui potrebbe convergere tatticamente su Prodi.

In questo caso assisteremmo ad una vittoria di misura dell’uno o dell’altro candidato. Ma potrebbe anche profilarsi un estenuante serie di votazioni a vuoto per poi convergere su un nome da zero a zero. L’ideale, dal punto di vista dei partiti sarebbe Draghi, che potrebbe totalizzare Pd, Sel, Fi ,Ncd e Sc. Ma chi glielo fa fare? E’ alla guida della Bce ed ha ottime carte per succedere alla Lagarde al Fmi, perché mai dovrebbe accontentarsi del Quirinale?

Come seconda scelta potrebbe esserci qualche sbiaditissimo centrista (ad esempio Casini) che potrebbe essere digerito dalla minoranza Pd. Ma se anche questa scelta dovesse fallire, resterebbe la via “istituzionale”: il governatore di Bankitalia, il Presidente della Corte Costituzionale o quello della Cassazione…

Per ora predisponiamoci al derby Nazareno-Antinazareni. E che perda il peggiore.


10 novembre 2014


dal sito http://www.aldogiannuli.it/


La Vignetta è del Maestro Mauro Biani 



Nessun commento:

Posta un commento

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF