domenica 5 ottobre 2014

SINISTRA, NIKI, PIPPO E MAURY di Ercole Olmi





SINISTRA, NIKI, PIPPO E MAURY
di Ercole Olmi



Oltre la lista Tsipras, forse oltre Sel, perfino fuori dal Pd ma comunque col Pd. Le giravolte d’autunno di Sel con Civati, Landini e Vendola. Il rompicapo dei rimescolamenti a sinistra.



Oltre Tsipras, oltre Sel. Forse. Ma con il Pd.

Quantomeno nelle regioni dove si sta per andare al voto. In Emilia e Calabria, dove si vota prima, il partito di Vendola andrà alle urne con il Pd ed è già andata oltre la lista Tsipras salutando, per ora, la creatura dei saggi e del leader greco. Grandi manovre per una coalizione con i democrat sono già in corso in Liguria, ad esempio. Ma intanto Sel porta in piazza il suo leader con Landini e Filippo Civati provando a prefigurare un percorso di discesa in politica del leader Fiom e di fuoriuscita di Civati dal partitone ormai impraticabile, per rimpolpare le fila di Sel (comunque si chiamerà) dopo l’emorragia guidata da Migliore, Fava e dal tesoriere Boccadutri.

La manifestazione, annunciata dal manifesto con una serie di interviste, è costruita come lancio del 25 ottobre della Cgil ma allude all’ennesima puntata del cantiere della sinistra.

«Il clima è di attesa per qualcosa che potrebbe nascere ma che ancora non è definito», ci dice una dirigente di Sel della Liguria. Non è la prima volta che sembra che stia per nascere (ricordate la via maestra e prima ancora la manifestazione del 16 ottobre 2011 e così via). Ma l’attacco di Renzi è feroce e in questi ambienti stavolta si sentono traditi. «Fate il lavoro, non fate la crisi» è lo slogan scelto per la manifestazione nazionale di piazza Santi Apostoli. «Quello che chiediamo è una nuova politica economica in Italia e in Europa per dire basta ai fallimenti dell’austerity».

Location dell’evento di oggi è piazza Santi Apostoli, riempita per metà (non è pochissimo), con vecchi (la direttrice del manifesto Rangeri) e nuovi compagni di strada, a partire da un pezzo di pressoché ex Rifondaroli. Come Simone Oggionni, già numero uno dei giovani comunisti ma in rotta di collisione da sempre con chi vorrebbe costruire un soggetto autonomo dal Pd della sinistra d’alternativa. Infatti alle scorse europee, quel pezzo di Prc avrebbe appoggiato i candidati di Sel nella lista Tsipras a scapito dei compagni di partito. La speaker presenta Oggionni come esponente di Sinistra lavoro, nuovissima associazione costituita da un pezzo della corrente grassiana del Prc e da quanti erano usciti dalla Federazione della sinistra per provare a orbitare attorno al Pd, la vecchia idea della sinistra del centrosinistra (Patta, Salvi, Vinci ecc…) magari persuasa che qualche iniezione di keynesismo possa accomodare le cose. Vecchia come quella di chi pensa di governare il liberismo.

Prima del discorso dei big è la volta di pezzi di Cgil (come Rosanna Dettori della funzione pubblica e Mimmo Pantaleo della Flc) che lamentano i torti subiti dai governi, specie quello di Renzi, dimenticando che Sel ha potuto spedire una pattuglia di parlamentari grazie alla sottoscrizione di una carta d’intenti che annunciava proprio il massacro sociale che è in corso da tempo.

Fratoianni, che su wikipedia viene accreditato come la punta dell’ala sinistra di Sel, spiega che questa piazza rappresenta «Un’idea necessaria, provare a ricostruire un pensiero, un punto di vista diverso». La chiama Coalizione per i diritti, per il lavoro. «Non è soltanto un evento ma l’inizio di un percorso, la forma – precisa – è da definire».

«Chi ha deciso di riaprire un conflitto in questo paese è proprio il governo Renzi», dirà Landini invitando a evitare di giocare sul campo del premier: «Evitare la contrapposizione tra chi i diritti ce li avrebbe e quelli che sono precari. Unire tutte le persone che hanno bisogno per vivere di un lavoro salariato». «In questo Paese ci sono due quaranta per cento, quello di chi ha votato Renzi e quello di chi ha deciso di non andare a votare». Ma chi si aspettava che pronunciasse parole chiave per unire le resistenze forse è rimasto deluso. Landini non è andato oltre il buon senso di chi non accetta l’idea che per creare lavoro si debba cancellare l’articolo 18. Che la manifestazione nazionale del 25 non sia uno sciopero non è dato capirlo dai ragionamenti del leader sindacale. Lui assicura che non si fermerà il 25, che è il momento della coerenza, che ha un’idea generale di trasformazione, che vuole «partecipazione, democrazia e rappresentanza», chiede di togliere «questo cazzo di vincolo di 3%» ma la parola sciopero verrà pronunciata solo a proposito di scioperi locali annunciati qua e là. Siamo anni luce lontani dalla «partita rivoluzionaria» che, prima di lui, aveva invitato a giocare, con passione, il leader dell’Uds, Lampis.

«Non tutta la sinistra Pd si schiera con una posizione limpida e netta», ammette Civati chiedendo alla piazza di non essere contestato. In realtà gli urlano “vieni con noi!”. Ma lui è contento di parlare dalla «piazza dell’Ulivo».

Per lui il problema è che Renzi non abbia rispettato il programma con cui vinse le primarie («avrebbe vinto dicendo che avrebbe voluto abolire l’articolo 18?»). «Ecco io vi propongo un patto diverso da quello del Nazareno, il patto degli Apostoli, di questa piazza, un patto organizzato, che si consolidi immediatamente nelle battaglie parlamentari e nei prossimi mesi si consolidi in un viaggio in Italia senza guardare troppo alle etichette perché vorrei che anche pezzi del mio partito partecipino». «Il futuro è nostro», garantisce il popolare Pippo ma sembra procedere con prudenza. Il suo intento è «rinnovare la politica italiana». Una parola è poco ma due, per Civati, sono decisamente troppe.

Alle 17.42 è il turno di Vendola che esordisce spedendo due cartoline: la prima è per Giannetto Speranza, sindaco di Lametia e suo candidato per la Calabria. La seconda è per Marino, sindaco di Roma con cui Sel governa la Capitale ma Marino vuole licenziare i lavoratori del Teatro dell’Opera e Vendola gli chiede di tornare sui suoi passi. «Tutti ti applaudirebbero se finalmente mettessi al bando gli F35», manda a dire a Renzi il leader di Sel denunciando la retorica irritante del premier che oggi era ad Assisi a celebrare il poverello Francesco. Sembra sinceramente indignato, il governatore delle Puglie, quando svela l’inganno della «narrazione renziana» sulle generazioni, sul lavoro, sulla guerra e la pace, sul vecchio e il nuovo. Denuncia la mutazione del Pd in comitato elettorale di Renzi che occupa tutti gli spazi mediatici per propagandare il «dimagrimento dei diritti» e rilancia invitando Renzi a fare insieme una battaglia «vera» contro la precarietà. Anche lui, come chi l’ha preceduto sul palco, chiede di non toccare l’articolo 18, di fare la patrimoniale, il reddito minimo e di investire sulla conoscenza anziché continuare la «semina degli slogan» che non crea lavoro.

«Sel è nata dall’idea che la sinistra non poteva morire né di governismo né di estremismo – conclude cercando di infiammare la piazza – la sinistra ha bisogno di sogni, di dare del tu alle persone, non mi frega niente della sinistra che vince facendo le cose di destra. Costruiamo una coalizione dei diritti e del lavoro, non significa la scorciatoia di qualche nuovo contenitore, di scorciatoie organizzativistiche, perché altrimenti verrei risucchiato dalle fibrillazioni del quadro politico. Ricostruiamo il vocabolario della sinistra, la tavola dei suoi valori». E, più avanti: «Noi non ci fermeremo a una battaglia di opposizione, noi vogliamo essere lievito alla speranza di trasformazione, rimetteremo in piedi una sinistra del futuro».

I titoli di coda saranno i giornali di domani. Per ora sembra un film già visto e nemmeno fra i più avvincenti.


4 ottobre 2014

dal sito http://popoffquotidiano.it/


La vignetta è del Maestro Mauro Biani




Nessun commento:

Posta un commento

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF